SOLIDARIETÀ IN SICUREZZA TRA I FILARI DI RABOSO PIAVE CON I RAGAZZI DOWN

Notizie Comments (0)

Sabato 24 ottobre 2020 si è rinnovato il consueto appuntamento, presso la nostra azienda, della vendemmia del Raboso Piave con i ragazzi dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) – Sezione Marca Trevigiana.

L’emergenza sanitaria non ha infatti fermato questa tradizione, anzi ha sviluppato nei ragazzi un vero e proprio senso di responsabilità: misurazione della temperatura, igienizzazione delle mani, distanziamento sociale, mascherine sempre indossate e uno di loro che controllava che tutte queste misure venissero rispettate, hanno fatto sì che questa giornata si svolgesse in piena sicurezza.

Dal 2005, ogni anno, questi ragazzi si trasformano in vignaioli ed enologi, producendo circa 1000 bottiglie di Raboso del Piave, che con orgoglio presentano in primavera presso lo stand della Regione Veneto al Vinitaly di Verona.  L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Progetto Autonomia Sociale, che vede i ragazzi coinvolti in tutte le fasi della produzione del vino: dalla vendemmia alla pigiatura, dalla lavorazione all’ imbottigliamento, fino alla realizzazione delle etichette, rigorosamente disegnate a mano.

Il Raboso del Piave oltre a rappresentare il territorio e la sua storia, sa essere anche solidale contribuendo a progetti a supporto della collettività, con l’obbiettivo di rafforzare il valore che può nascere dalla sincera volontà di fare impresa in maniera condivisa e inclusiva.

 

Print Friendly, PDF & Email
Pin It

» Notizie » SOLIDARIETÀ IN SICUREZZA TRA I...
On 26 Ottobre 2020
By

Comments are closed.

« »

Per accedere a questo sito devi avere l’ età legale per il consumo di alcolici prevista nel tuo luogo di residenza.
In mancanza di una normativa in materia, l’ età minima per visitare questo sito è di 21 anni.

SELEZIONA IL TUO PAESE

INSERISCI LA TUA DATA DI NASCITA

L’abuso di alcool è pericoloso per la salute, consumalo in modo responsabile.
Cecchetto, membro di Wine in Moderation, sostiene il consumo responsabile di vino attraverso
www.wineinmoderation.com